CI VORREBBE … UN AMICO

Correre da solo ha il suo fascino ma alla lunga può stancare.

Correre in compagnia, soprattutto all’inizio dell’attività podistica, quando il running è una pratica ancora tutta da scoprire, può essere un’arma vincente soprattutto per quel che concerne la continuità nell’esercizio. Avere almeno un compagno con il quale condividere la fatica dell’allenamento significa essere più motivati, più determinati, in quanto c’è un maggior rispetto degli orari, della volontà di essere presenti all’allenamento e, soprattutto, una voglia di condivisione dello sforzo atletico. Inoltre, avere un preciso appuntamento con qualcuno per allenarsi insieme spinge l’atleta ad essere presente all’allenamento ed a non saltarlo nemmeno quando si è particolarmente stanco e demotivato.

All’inizio della mia attività, e per inizio intendo almeno i primi due anni, l’avere a fianco una persona come Giuseppe è stato (così come sostenuto nei primi capitoli di 10 ANNI DI CORSA) l’arma vincente per dare continuità e persistenza alle varie uscite. Così come progettare l’idea di affrontare la prima maratona è stata condivisa proprio con il mio compagno di allenamento dell’epoca, il quale ancora oggi mi ricorda la mia ritrosia nei confronti della regina delle gare podistiche.

Quando si corre da soli la fatica della corsa sembra un’avversaria troppo forte da battere; i chilometri sembrano che non passino mai; dopo un quarto d’ora di corsa già si è in preda alla noia.

Con l’ausilio di un amico tutto ciò può passare in secondo ordine, perché correre in compagnia allevia sensibilmente certe sensazioni negative: così chiacchierare mentre si corre diventa un modo efficace per ammazzare la noia ed i chilometri scorrono più veloci sotto le gambe.

La corsa in compagnia riesce a far andare più forte (specie se il compagno di corsa è più forte di te), più lontano, facendo meno fatica e, complice le chiacchiere ed un po’ di sana rivalità, correre insieme diventa decisamente più divertente e stimolante.

Non è un caso che da un sondaggio condotto da una rivista di settore si è visto che circa il 77% dei runners corre sempre, o spesso, in compagnia.

Con il passare degli anni sono stati tanti i miei compagni di corsa, in particolar modo i miei compagni di squadra della Podistica S. Salvo che a volte si incontrano anche casualmente sul lungomare o sulla pista di atletica.

Negli ultimi anni tanti allenamenti, ma soprattutto tante gare, le ho affrontate con Fabio (esaltante l’esperienza insieme nella 100 km del Passatore) che si è sempre dimostrato un compagno affidabile e ricco di motivazioni (da ultimo la voglia di voler correre tutte le major in giro per il mondo)!

Mentre fare un allenamento insieme ad un compagno di corsa è abbastanza solito, condividere insieme le fatiche di una gara è cosa più difficile ed insolita. Però sia con Giuseppe (in una maratona di Roma) che con Fabio (oltre al Passatore, anche la Eco-maratona dei Marsi e la Collemarathon insieme anche a Sergio) ho condiviso anche questa esperienza che sicuramente è stata particolarmente avvincente.

Un altro compagno di gara è sicuramente il mitico Domenico che durante le sue oltre 200 maratone ha corso almeno  con il 70% dei maratoneti  italiani, per tanta voglia che ha, in ogni gara, di condividere la strada con uno o più compagni di corsa, spesso facendo il pace maker  così quasi da istituzionalizzare la sua presenza in una certa gara.

Ti è piaciuto? Condividilo! 🙂

NEW YORK NEW YORK…..ALCUNI GIORNI DOPO!!

Ribadisco ancora il concetto che la maratona di New York non è proprio paragonabile alle altre e me ne sono accorto anche alcuni giorni dopo aver lasciato la grande mela.

Mi sono anche ricordato delle parole del mio amico Piero di ritorno da New York circa 10 anni orsono, durante i festeggiamenti in suo onore organizzati dalla moglie Sonia.

La domanda classica che il poco esperto di maratone mi ha rivolto: “ma quella di New York quanto è lunga”?? Sembrerebbe, agli occhi del neofita, che la maratona più è famosa/pubblicizzata e più è lunga.

Inoltre c’è stato l’effetto pubblicità: i quotidiani locali hanno fatto un gran parlare con articoli e foto delle varie prestazioni di atleti abruzzesi a New York.

Ma non basta. Avendo il privilegio di avere un grande amico conduttore televisivo sono stato invitato da Roberto Paoletti alla trasmissione DI CORSA che va in oda ogni settimana su TVQ insieme a due altri podisti abruzzesi anch’essi reduci dalla maratona più importante al mondo.

E’ stato un bel confronto con Luigi Di lena dei Podisti Frentani di Lanciano e Marco D’Assogna dell’Atletico Pineto (entrambi con maglietta celebrativa e medaglia al collo…mentre io mi sono completamente dimenticato entrambe le cose!); abbiamo raccontato le nostre esperienze e le nostre sensazioni davanti alle telecamere quasi come l’avessimo vinta quella maratona (a proposito….meno male che Roberto mi ha evitato il confronto cronometrico con i miei due amici altrimenti….che figura avrei fatto!!).

Il finale di trasmissione è stato altamente emozionante: abbiamo ricordato tutti le gesta del mitico Duilio Fornarola in terra americana; vero ambasciatore del podismo abruzzese a New York dove aveva preso parte alla maratona per molti anni consecutivi!

Anche in Tribunale, luogo piuttosto ameno, con i miei colleghi, c’è stato più di uno scambio di battute sulla mia partecipazione all’evento mediatico sportivo del momento; per non parlare con gli amici al bar dove anche chi non ha corso la maratona ma ha fatto l’accompagnatore ed è apparso sulle foto nei giornali (un certo Adolfo tanto per non fare nomi!) è diventato un eroe!

Infine, girando per le strade di S. Salvo, tante sono state le persone (oltre ovviamente ai miei compagni di squadra della Podistica S. Salvo, in primis il mio caro Presidente Michele Colamarino) che mi hanno fermato chiedendomi lumi sulla città che non dorme mai e su come avessi trovato i cinque quartieri della metropoli a stelle e strisce.

Ed alla fine devo ammettere che, nonostante il mio atavico scetticismo sulla maratona più chiacchierata dell’anno (visto che ho avuto la fortuna di correrne anche molte altre), quella di New York ha lasciato un segno indelebile non solo dopo il raggiungimento dell’arco di arrivo in Central Park ma anche, e soprattutto, dopo essere sbarcato in Italia.  E di ciò ho travato conferma anche nei miei compagni di squadra che hanno vissuto la mia stessa esperienza: Mafalda Lucci, Maurizio D’Aloisio, Nicola Pracilio e Claudio De Filippis.

Ultimissima considerazione: appena tornati in Italia abbiamo un po’ tutti avuto la consapevolezza di aver trovato veramente una condizione metereologica stupenda….basti pensare alle foto che sono arivate da oltreoceano proprio in questi giorni!

 

 

Ti è piaciuto? Condividilo! 🙂

UN SUCCESSO LA VI EDIZIONE DEL RAGAZZO/A PIU’ VELOCE DI S.SALVO

Oltre 200 ragazzi della scuola media “Salvo D’Acquisto” di S. Salvo si sono dati “battaglia” sabato mattina sulla pista di atletica leggera “Pietro Mennea” di S. Salvo.

Con l’aiuto di una bella giornata di sole la Podistica S. Salvo, in collaborazione con METAMER (luce  e gas) sponsor unico della manifestazione, e con l’ausilio di tutti i professori della scuola media di S. Salvo (De Filippis, Settembre, Caporrella, L. Cilli, F. Cilli e Colella) è riuscita ad organizzare una bella manifestazione di sport all’insegna del divertimento e del puro spettacolo agonistico tra ragazzi coetanei in una bella cornice quale  la pista di atletica leggera “Pietro Mennea” di S. Salvo.

Piacevole sorpresa della mattinata è stata la presenza, seppur per pochissimi minuti, di Michele Colamarino, Presidente della Podistica S. Salvo, in evidente ripresa dopo le vicissitudini passate nell’ultimo mese.

Dopo le batterie di qualificazione, ci sono state le finali che hanno declamato il ragazzo/a piu’ veloce di S. Salvo per ogni classe, che sono stati successivamente premiati dal Sindaco di S. Salvo Tiziana Magnacca, dal responsabile della Metamer Davide Spadano (delegato dall’Amministratore Delegato Nicola Fabrizio impegnato fuori sede), dall’Assessore allo sport Tonino Marcello, da Giampaolo Colameo e Tommaso Gabriele per la Podistica S. Salvo.

Di seguito tutte le classifiche:

I MEDIA FEMMINILE

1° Lorenza Marinelli

2°Benedetta Rosato

3° Greta Nunziato

I MEDIA MASCHILE

1° Dennis Nastase

2°Giorgio Altieri

3° Luigi Preta

II MEDIA FEMMINILE

1° Chiara Angelone

2°Francesca Petrucci

3° Francesca Florio

II MEDIA MASCHILE

1° Andrian Bartolino

2°Giuseppe Lorusso

3° Giovanni Fitti

III MEDIA FEMMINILE

1° Alessia Cilli

2°Siria Vitulli

3° Ludovica Forte

III MEDIA MASCHILE

1° Daniel Cieri

2°Angelo Truisi

3° Filippo Persoglio

PREMI SPECIALI PER:

Flaminia Alessandra, Micael Rossetti, Giulia Leca e Lorenzo Tiberio.

 

Ti è piaciuto? Condividilo! 🙂

I EDIZIONE DELLA WINE RUN A S. SALVO A BUCCI E FERRITTI

E’ stata una bella mattinata di sole ad accompagnare gli atleti ed i camminatori della I edizione della Wine Run svoltasi a S. Salvo organizzata dal Supermercato Raspa con la collaborazione della Onlus “Lory a colori” ed il supporto tecnico della Podistica S. Salvo.

La gara competitiva di 13 km. è stata vinta dal “keniano di Fossacesia” Antonio Bucci (Tocco Runner) che ha preceduto il vastese Nicolino Zuzù Catalano (I lupi d’Abruzzo) e Umberto D’Agostino (Runners Casalbordino), mentre in campo femminile grande supremazia di Iolanda Ferritti (Nuova Atletica Isernia) che ha preceduto Alessandra Bruno (Podistica Vasto) e Annalisa Fitti (Podistica S. Salvo).  Oltre alla gara valevole per il circuito podistico Corrilabruzzo ed al prologo delle gare riservate ai ragazzi,  vi è stata anche una passeggiata di circa 2,5 km. dove hanno partecipato grandi e piccini, ed in particolare molti membri dell’associazione “Lory a colori” che sfoggiavano delle coloratissime maglie celebrative della manifestazione.

Impeccabile l’organizzazione della Podistica S. Salvo, coordinata da Giampaolo Colameo, che ha degnamente sostituito il presidente Michele Colamarino (al quale tutto il gruppo dei podisti ha dedicato un affettuoso applauso per celebrare il suo compleanno) in fase di guarigione.

Particolarmente soddisfatto Nicola Raspa, responsabile del Supermercato Raspa, che ha voluto destinare tutto il ricavato della manifestazione all’attività principale denominata “Niente scuse per la salute” organizzata dall’associazione “Lory a colori”guidata da Monica Marinari.

Presenti alla manifestazione anche alcuni amministratori comunali guidati dall’Assessore alla Sport Tonino Marcello (regolarmente iscritto alla camminata), Giancarlo Lippis e Oliviero Faienza.

Nella stessa giornata buonissime notizie dalla Maratona di Parma per i ragazzi della Podistica S. Salvo (vinta dall’abruzzese Alberico Di Cecco) con il 24° posto assoluto in 2h54’ per Vincenzo Del Villano che ha preceduto di qualche posizione Angelo Iademarco; buonissime le prestazioni anche di Gianfranco Mastrangelo, Giuseppe Bonelli e Maurizio D’Aloisio in prospettiva della imminente Maratona di New York.

Prossimo appuntamento per la Podistica S. Salvo sabato 20 presso la pista di atletica “Pietro Mennea” con il consueto appuntamento annuale con “il ragazzo/a più veloce di S. Salvo” sponsorizzato da Metamer energia e gas.

Ti è piaciuto? Condividilo! 🙂

ANGELO IADEMARCO CAMPIONE ITALIANO DELLE SEI ORE SU PISTA

Con quasi 69,5 km l’atleta della Podistica S. Salvo si è piazzato al 2° posto assoluto e primo nella propria categoria nella Sei Ore di Campobasso, svoltasi sabato scorso sulla pista di atletica “Nicola Palladino” nel capoluogo molisano e valida quale Campionato Italiano IUTA su pista.

Dopo la vittoria nella tre ore di Francavilla al Mare di una settimana prima l’atleta molisano, ma tesserato con la Podistica S. Salvo, sotto gli occhi di papà Nicola e mamma Adalgisa (anche loro partecipanti alla gara) ha confermato le doti di ultrarunneressendo stato battuto solo da un mostro sacro delle ultramaratone. Infatti, con 70,750 km. è stato Giuseppe Mangione (Barletta Sportiva) che con un grande recupero nella parte finale della gara, ha trionfato a “modo suo” in questo Campionato Italiano.

L’ultramaratoneta di Corato (così come lo ha definito nel proprio libro il dott. Matteo Simone, anch’egli presente nella gara) ha sfoderato la solita grinta da battagliero ed è riuscito a portare a casa il prestigioso tricolore.

All’interno della gara, magistralmente organizzata dalla Amatori Limosano e da Guido Ponzio, che nell’occasione ha festeggiato (in tutti i sensi visto che sul campo c’era sia la torta che lo champagne) le 300 gare tra maratone ed ultra, si è svolta anche la Maratona, dove c’è stato il duo abruzzese Mastrodicasa Marcello (Manoppello Sogeda) e Di Nallo Roberto (Runners Chieti) che ha comandato la gara fino alla fine; ottimo il quarto posto assoluto e primo di categoria di Fabio Zara (Podistica Vasto) recatosi in terra molisana per un buon allenamento prima della Maratona di New York e dopo aver esaurito le fatiche nell’organizzare la 5° edizione della “Corriamo per il luppolo” a Tavenna.

In campo femminile, sempre nella sei ore, la vittoria assoluta è andata alla lombarda Elena Di Vittorio, mentre le abruzzesi Paola D’Anteo (Runners Pescara) e Maria Loreta Bellobuono (Gruppo Sportivo Celano) sono diventare campionesse italiane nelle rispettive categorie.

Ultima annotazione la presenza nella gara del veterano del podismo molisano, quel Benito Grieco che è sempre presente nelle gare podistiche in Molise ormai da oltre cinquanta anni!

Ti è piaciuto? Condividilo! 🙂

LA PRIMA DI ANGELO IADEMARCO CON LA PODISTICA S. SALVO

Sabato 29 settembre a Francavilla al Mare, in occasione della II edizione della 3 ore dell’Adriatico, c’è stata la prima vittoria assoluta per Angelo Iademarco con la casacca della Podistica S. Salvo.

Con 43,013 km in tre ore l’atleta molisano, trapiantato a S. Salvo, ha battuto Maurizio Di Paolo  e Antonio Fiadone (entrambi del gruppo Passologico Pescara) specialisti delle ultramaratone, che si sono dovuti arrendere allo strapotere dell’atleta sansalvese che finalmente, dopo svariati tentativi, è riuscito a colpire nel segno.

Emozionato, a fine gara, ha dedicato la stupenda vittoria, oltre che al suo papà che lo segue con passione in ogni gara, al suo Presidente  Michele Colamarino che lo ha fortemente voluto nella Podistica S. Salvo.

Nello stesso week end altri atleti biancoazzurri sono stati protagonisti alla Maratona di Varsavia, in particolare si sono distinte le ragazze della Podistica S. Salvo: Mafalda Lucci, ottimo il suo 4h12’ e stupefacente la prova della esordiente Sonia Di Tullio.

 

Intanto, a proposito di maratone ed ultra-maratone, brillante il risultato di Domenico Martino (atleta pugliese trapiantato a Vasto)  nella 6 Ore di Barletta, dove con la sua ultima divisa disegnata ad hoc dagli amici di Giosport, ha vinto la gara nella propria categoria (arrivando 6° assoluto, dinanzi a dei mostri sacri come D’Avanzo e Mangione) confermando il prezioso risultato di due settimane prima a Policoro dove si è laureato campione italiano di categoria sulle 100 miglia.

A proposito di Campionato Italiano, l’appuntamento per i sopracitati atleti, con Iademarco in primis visto che correrà in casa, sarà per la II Sei Ore di Campobasso, che si svolgerà sabato prossimo, valevole per il Campionato Italiano della Sei Ore IUTA su pista, dove tutti i migliori della specialità si daranno battaglia per portare a casa la maglietta tricolore.

Ti è piaciuto? Condividilo! 🙂

LA PODISTICA S. SALVO VINCENTE A TERMOLI PER IL SUO PRESIDENTE

Ne hanno vinte tante di gare i ragazzi della Podistica S. Salvo, ma quella di ieri, nella I Edizione del Trofeo Svevia Città di Termoli, ha decisamente un sapore tutto particolare.

In settimana si erano allenati con il pensiero rivolto all’Ospedale di Pescara dove il loro Presidente si stava sottoponendo ad un delicato intervento chirurgico e, dopo le prime notizie positive, si sono potuti godere la bella gara svoltasi all’interno della città vecchia di Termoli ed alla fine dedicare la vittoria nella speciale classifica a squadre proprio al loro amato  Presidente Michele Colamarino, che li seguiva costantemente per via telefonica.

Il Presidente ci teneva moltissimo a questa gara molisana, organizzata dagli amici della ASD Athletic Club Termoli, ed aveva da tempo  organizzato un bel gruppo per primeggiare in terra molisana e così alla fine è stato e, quindi,  la dedica della vittoria al Presidente è stata quasi d’obbligo da parte degli atleti sansalvesi presenti all’evento sportivo.

Per la cronaca la gara è stata vinta dal pugliese Matteo Manuppelli, mentre primo degli abruzzesi è stato Giovanni Viti della Podistica Vasto (6° assoluto e primo di categoria) mentre il primo sansalvese al traguardo è stato Vincenzo Del Villano (8° assoluto e secondo di categoria); mentre in campo femminile la vittoria finale è andata all’atleta di casa Catia Fusoni (ASD Athletic Termoli) e ottima la prestazione della portacolori della Podistica S. Salvo Nubia Stella che si è classificata 5° assoluta e prima di categoria.

Intanto le notizie da Pescara sono più che positive tant’è che proprio in queste ore il Presidente Michele Colamarino è stato dimesso dal nosocomio adriatico per tornare nella sua amata S. Salvo dove c’è, è proprio il caso di dire, una squadra che l’aspetta per festeggiare  insieme!

Ti è piaciuto? Condividilo! 🙂

LA PODISTICA S. SALVO SI CONFERMA PRIMO GRUPPO ANCHE NELLA VII NOTTURNA DI CUPELLO

Con 24 atleti all’arrivo la Podistica S. Salvo ha trionfato ieri sera nella VII edizione della gara podistica denominata Notturna Città di Cupello, precedendo i Runners Casalbordino ed i Lupi d’Abruzzo, svoltosi su un percorso di due giri di un circuito cittadino per complessivi 8 km.

In campo individuale superlativa la prova di Pino Cilli terzo assoluto dietro ad un insuperabile Domenico Liberatore (Podistica Solidarietà) ed all’indomabile Antonio Bucci (Tocco Runners), mentre buona è stata la prova di Paolo Mannarino vincitore nella sua categoria.

Nel settore femminile brillante la prestazione dell’atleta locale Alessandra Bruno (Podistica Vasto) che all’arrivo ha avuto parole emozionanti nel dedicare la vittoria al suo papà promotore di questa gara e scomparso due anni orsono. L’atleta cupellese ha preceduto la molisana Candida Pascale (Runners Termoli) e la pescarese Chiara Zurli.

La gara competitiva è stata preceduta da ben cinque gare riservate ai ragazzi che hanno animato il centro storico del borgo abruzzese.

Prima della partenza un grosso applauso è stato riservato ad Angelo Rapino (Runners Chieti) podista abruzzese storico, onnipresente in ogni gara, che proprio ieri ha festeggiato il suo compleanno correndo a Cupello.

L’organizzazione, coordinata dal Presidente dei Runners Cupello Sergio Profeta, ha curato le varie gare con dovizia di particolari, regalando un evento piacevole per la cittadina abruzzese.

Ti è piaciuto? Condividilo! 🙂

RIPENSA AL TUO STILE DI VITA

Se hai deciso di iniziare a correre vuol dire che stai cercando di fare qualcosa di buono per il tuo corpo.

Forse non ti piaci più tanto per via del tuo girovita che si fa sempre più invadente.
Non fermarti qui, cerca coerentemente di rivedere il tuo intero stile di vita in un’ottica di salute e benessere duraturo. Cerca di seguire una dieta equilibrata e con il giusto apporto di calorie. Elimina il fumo e riduci drasticamente l’alcool. Cerca, per quanto possibile, di ridurre lo stress e le tensioni.
Se non sei in grado di amare te stesso, non sei in grado di amare niente e nessun altro…

Cerca di essere sempre positivo: capiteranno, con buona probabilità, diverse giornate “no”. E’ piuttosto normale, fa parte del gioco. Considera i momenti di difficoltà come un passaggio necessario, quasi propedeutico. Accetta in maniera positiva i momenti in cui devi rinunciare a correre (per qualsiasi motivo) e pensa che milioni di persone prima di te hanno mollato molto prima…

Non avere fretta. Non siamo tutti uguali e ogni persona è differente, così come sono differenti i tempi in cui aumentano le nostre prestazioni.
Se ti sei avvicinato alla corsa dopo i 30 anni è piuttosto facile che, dopo un avvio incoraggiante, ci sia un periodo in cui i progressi sono più lenti. Cerca di avere pazienza e di goderti comunque i progressi anche quando sono piccoli, dato che comunque nessuno migliora in eterno, quindi lentamente o velocemente tutti prima o poi arrivano al massimo della forma e non vanno oltre.

Ricordati che la ricetta migliore è il divertimento: cerca di perseguirlo in ogni momento…sia che corri da solo e soprattutto se corri in compagnia.

Correre all’interno di un gruppo podistico deve essere un piacere in quanto si condividono principalmente dei momenti di inevitabile fatica e, successivamente, si passa a condividere dei momenti di allegria.

Nella mia squadra memorabili sono le cosiddette cene/pranzi sociali dove si cerca di fare gruppo in maniera diversa da quella tradizionale della corsa. E così i premi alimentari vinti nelle varie gare stagionali, diventano un bottino prelibato da “condividere” proprio in questi momenti.

Ed è proprio in questi momenti conviviali che ho potuto notare dei master  chef come Nicolas e Domenico e altri insospettabili atleti che fanno la differenza non con le ripetute ma con la forchetta!

Ti è piaciuto? Condividilo! 🙂

ALLA I NIGHT RUN PETACCIATO LA PODISTICA S. SALVO TRIONFA ANCORA

E’ stata protagonista anche nella prima edizione della Night Run di Petacciato la Podistica S. Salvo che, nonostante l’impegno nella Notturna Toccolana della sera precedente  a Tocco da Casauria, è riuscita a salire sul gradino più alto del podio, precedendo la Podistica Vasto e l’Athletic Club Termoli.

A livello individuale la vittoria finale della gara di 8 km, spalmati su due giri di un bel circuito cittadino, è sfuggita per pochi secondi a Pino Cilli, preceduto sul traguardo da Emiliano Ienni (Vini Fantini Pescara), mentre sul gradino più basso del podio si è piazzato Pardo La Serra (Larino Run); giù dal podio Giovanni Viti (Podistica Vasto) e Vincenzo Del Villano, che ha completato il buon risultato della Podistica S. Salvo.

A livello femminile buona la gara di Nubia Stella (quarta all’arrivo) preceduta dall’americana di New York Olivia Beltrami, che ha vinto la gara, sulle molisane Catia Fusoni e Candida Pascale.

La gara è stata preceduta da due gare riservate ai più piccoli, dove si sono dati battaglia oltre cinquanta bambini che hanno ravvivato la cittadina molisana, pronta ad incitare sia i piccoli atleti che quelli della gara svoltasi in notturna con delle suggestive lampade in testa ai podisti.

Ruolo fondamentale per la buona riuscita della manifestazione è stata quella della società organizzatrice A.S.D. Runners Petacciato, rappresentata nell’occasione da  Michela, Gabriele, Said e Paolo, i quali sono riusciti a mettere in piedi uno spettacolo sportivo senza tralasciare l’aspetto della solidarietà con la premiazione di Pompeo Barbieri (pluricampione italiano di nuoto paraolimpico)  e Francesco Pannelli ideatore della società podistica molisana.

Ti è piaciuto? Condividilo! 🙂